Il deposito cauzionale, da non confondere con la caparra che si versa all’inizio per “impegnarsi” a prendere in affitto la casa, è la garanzia che l’inquilino rilascia al proprietario come fondo per eventuali danni o debiti a fine locazione. Questo vuol dire che a fine contratto, quando si andranno a restituire le chiavi, si fa un giro di controllo e si verifica che la casa venga riconsegnata in buono stato, che non ci sono altre spese da pagare. In queste circostanze il deposito va restituito dalla proprietà, che di solito chiede una settimana o 10 giorni per poter visionare bene il tutto e restituire l’intera cifra, oppure contestare eventuali danni che emergono dal giro di controllo. Se infatti il proprietario, per fare un esempio consegna un tavolo nuovo e senza graffi (come da verbale di consegna firmato) e poi si ritrova con un tavolo con un buco nel centro, farà le foto di questo danno e chiederà di trattenere dal deposito consegnato una cifra adeguata a riparare o ricomprare il tipo di mobile danneggiato.

Maggiori Informazioni